18 novembre 2010

Windstalk: il parco eolico senza turbine

Bookmark and Share

Milleduecentotre "non turbine" per rivoluzionare l'eolico

Windstalk: il parco eolico senza turbine

 

Il progetto Windstalk della newyorkese Atelier DNA è basato su dei pali in fibra di carbonio rinforzata con resina, alti 55 metri e ancorati a una struttura cilindrica il cui raggio misura dai 10 ai 20 metri circa. Ciascun palo ha un diametro di 30 cm alla base, che, proprio come un capello, diminuisce progressivamente fino alla punta, dove misura appena 5 cm. Il progetto ne prevede 1.203, che andrebbero a formare un parco eolico per Masnar City, avveneristico quartiere a zero emissioni e zero rifiuti di Abu Dhabi.
 
Ma il progetto non sta facendo parlare di sé mezzo mondo solo per il design e l'uso che se ne farà. I vantaggi pratici rispetto all'eolico tradizionale, infatti, sarebbero almeno tre.
 
Primo fra tutti, l'assenza dei rumori molesti tipici delle normali turbine eoliche, per cui Windstalk potrebbe essere installato tanto in aperta campagna quanto in città.
Secondo, l'impatto visivo: i “capelli giganti” potrebbero risultare più estetici delle “mega-pale-eoliche” (de gustibus non disputandum est).
Terzo, le rotte migratorie: evitare un'elica che si sta muovendo a 30-40 km/h piuttosto che un palo di pochi centimetri di diametro è per un uccello più facile e – sicuramente – la posta in gioco è molto più bassa.
 
Il condizionale comunque è d'obbligo, visto che il progetto per ora è solo su carta (anzi, su computer), ma il principio su cui si basa Windstalk – l'oscillazione – non sembra avere controindicazioni: ogni palo contiene una pila di dischi di ceramica piezoelettrica, che vengono “deformati” dalla trazione di un cavo al loro interno, trazione che sarà direttamente proporzionale alla forza del vento. In pratica i moduli, indipendenti l'uno dall'altro, dovrebbero oscillare come erba al vento, con tanto di luce al led in punta che aumenterà o diminuirà di intensità a seconda della quantità di energia prodotta.
 
Non solo: all'interno del cilindro alla base di ciascun palo, i progettisti della DNA hanno pensato di sistemare una turbina elettrica, il cui movimento sarà generato dal fluire verso il basso o verso l'alto dell'acqua. In un certo senso, si tratta di un sistema per conservare l'energia: il moto del palo sposta una massa d'acqua da una camera più bassa a una più alta; finito il vento, il palo torna dritto e l'acqua fluisce verso la camera inferiore, muovendo la turbina.
 
Per ora, il progetto è valso ai suoi ideatori il secondo premio al Land Art Generator Initiative (LAGI), una competizione in cui si chiedeva ai partecipanti di ideare una serie di installazioni paesaggistiche che combinassero in modo originale l'aspetto estetico e il concetto artistico alla filosofia dell'energia pulita. Obiettivo sicuramente raggiunto. Almeno in teoria.
 
Roberto Zambon
 
Articolo tratto da greenme.it
Primo piano
Foreste a rotoli, la guida di Greenpeace ai prodotti di carta amici degli alberiForeste a rotoli, la guida di Greenpeace ai prodotti di carta amici degli alberi

Scegliere le marche di tovaglioli, di fazzoletti di carta e di carta igienica amiche degli alberi, sarà più facile grazie alla guida stilata da Greenpeace dal titolo che è tutto un programma

Samsung Young Design Award 2010, i vincitoriSamsung Young Design Award 2010, i vincitori

Il tema del concorso era “Rendere la sostenibilità divertente con i prodotti digitali”, con il dichiarato obiettivo di pensare a dispositivi digitali che mirassero a migliorare e rendere sostenibili le attività quotidiane, sia individuali che collettive

Abu Dhabi, nasce la prima città ecologica del desertoAbu Dhabi, nasce la prima città ecologica del deserto

Masdar, la prima città a impatto zero occuperà un’area di 6 km quadrati e sarà in grado di ospitare 50.000 abitanti

A bordo di un’auto elettrica dall’Alaska in ArgentinaA bordo di un’auto elettrica dall’Alaska in Argentina

Ventisei mila chilometri da un polo all’altro del pianeta senza inquinare: si realizza così l’idea dei ricercatori dell’Imperial College of London

Biometano: un’energia rinnovabile ancora trascurataBiometano: un’energia rinnovabile ancora trascurata

Legambiente propone di dare finalmente concretezza alla valorizzazione della risorsa biogas per la generazione di elettricità e calore, nonché per produrre biometano da immettere nella rete gas e da utilizzare come biocarburante

Il Ministero dello Sviluppo economico boccia le trivellazioni nel Canale di SiciliaIl Ministero dello Sviluppo economico boccia le trivellazioni nel Canale di Sicilia

Il Ministero per lo Sviluppo Economico dice il primo no alle trivellazioni off shore di petrolio e gas. Si tratta di una istanza presentata dalla società Petroceltic, che avrebbe voluto trivellare il fondo del Canale di Sicilia

Copenaghen: “cittadini più sicuri in bicicletta che sul divano”Copenaghen: “cittadini più sicuri in bicicletta che sul divano”

La capitale danese cerca di eliminare traffico e inquinamento dalla città con una nuova campagna pubblicitaria 

Giornata Nazionale degli Alberi, grandi attese per il 21 novembreGiornata Nazionale degli Alberi, grandi attese per il 21 novembre

La Giornata Nazionale degli Alberi, istituita dal Consiglio dei ministri per migliorare la qualità dell’aria nelle città e per aumentare la sensibilità dei cittadini alle tematiche ambientali, tra pochi giorni vedrà i suoi frutti

Windstalk: il parco eolico senza turbineWindstalk: il parco eolico senza turbine

Milleduecentotre "non turbine" per rivoluzionare l'eolico

Natale 2010: le consegne dei regali si fanno in bicicletta con i cicloponyNatale 2010: le consegne dei regali si fanno in bicicletta con i ciclopony

Anche a Milano si stanno diffondendo le consegne a corto raggio su due ruote, immuni al traffico ed ecosostenibili

Pagina:

Car pooling Tandemobility
Per informazioni:

Chiama il + 39 02 700 251
o manda una mail a info@imginternet.com
o vai al nostro blog o seguici su Twitter


logo Imginternet
Visualizza: Mobile
Esegui ricerca