17 dicembre 2010

Wikileaks: Bp aveva già avuto un incidente

Bookmark and Share

È avvenuto nel settembre del 2008 su una piattaforma in Azerbaijan

Wikileaks: Bp aveva già avuto un incidente

Prima del disastro della marea nera, sei mesi fa nel Golfo del Messico, Bp Petroleum aveva già avuto un incidente su una piattaforma, in Azerbaijan, nel settembre 2008. Ma in quel caso, riuscì ad arginare i danni e soprattutto a portare in salvo le 212 persone che lavoravano nella struttura per l'estrazione di gas.

Si tratta di una nuova rivelazione contenuta nei cablogrammi di Wikileaks. Intanto, l'Alta Corte di Londra ha stabilito oggi la liberazione di Julian Assange, concedendogli la libertà di cauzione e respingendo quindi il ricorso della procura svedese, che lo accusa di stupro e che si era opposta alla sentenza dei giudici di primo grado britannici che avevano già disposto la scarcerazione del fondatore di Wikileaks dietro pagamento di 200mila sterline, 235mila euro. Ma dagli Usa potrebbe arrivare una nuova accusa, questa volta legata al cablegate, per cospirazione.  

Vediamo innanzitutto il contenuto dei nuovi cablogrammi. Si parla di un incidente avvenuto su una piattaforma di gas in Azerbajian, fra il 17 e il 19 settembre del 2008, di cui non si era saputo nulla. British Petroleum riusci' ad avacuare senza incidenti tutti i 212 addetti all'impianto, e tenne la notizia riservata. 

Il cablogramma, che risale al 26 settembre del 2008, quindi a poche settimane dopo l'incidente, riferisce che Bp ha cercato di stabilire le cause del problema, facendo diverse ipotesi (c'è poi un dispaccio del 2009 in cui invece si riferisce di un'ipotesi più precisa, relativa a un difetto nel rivestimento di cemento di uno dei pozzi), e parla anche del disappunto di alcune compagnie partners di Bp per l'atteggiamento mantenuto dalla società, che sarebbe stata eccessivamente parca di informazioni sull'incidente.

Proprio in queste ore, fra l'altro, negli Usa l'amministrazione Obama ha ufficialmente avviato la battaglia legale contro il colosso petrolifero per la marea nera, il più grave disastro ambientale della storia americana, accusando Bp e altre quattro compagnie di aver violato le leggi ambientali e chiedendo un risarcimento danni "illimitato", dunque più ingente rispetto ai 75 milioni di dollari stabilti come tetto dall'Oil Pollution Act.

Ma tornando a Wikileaks, mentre giorno dopo giorno continuano ad uscire nuovi dispacci diplomatici, nell'ambito del cosiddetto "cablegate", oggi le novità riguardano il fondatore, Julian Assange. Dallo scorso 7 dicembre si trova nel carcere di Wandsworth. È stato arrestato per un mandato internazionale su richiesta della giustizia svedese, con un'accusa di stupro.

In base alla sentenza di oggi, potrà uscire dietro il pagamento di una cauzione di 200mila sterline, che secondo il suo legale sarebbero già state raccolte. A quel punto avrà obbligo di firma e sarà sempre localizzabile attraverso un braccialetto elettronico. Le autorità svedesi hanno chiesto l'estradizone, ma nel frattempo Assange rischia di essere alla prese con un'altra tegola giudiziaria, questa volta legata alle attività di Wikileaks e in particolare al cablegate. Le autorità americane, secondo quanto riferisce il New York Times, stanno raccogliendo prove per incriminarlo per "cospirazione". Secondo questa ipotesi di accusa, Assange avrebbe aiutato il militare Bradley Manning a sottrarre i cablogrammi, e non si sarebbe limitato a riceverli e a pubblicarli.

Articolo tratto da manageronline.it

Primo piano
Energia dalle nuvole, la nuova fonte rinnovabileEnergia dalle nuvole, la nuova fonte rinnovabile

Mark Moore, ricercatore della NASA, potrebbe aver scoperto una nuova forma di energia rinnovabile

Parcheggio fotovoltaico: a Pesaro il più grande d’Europa in area pubblicaParcheggio fotovoltaico: a Pesaro il più grande d’Europa in area pubblica

L’impianto fotovoltaico si estende per una superficie pari a ben 25 mila metri quadrati, e ricopre totalmente la copertura del parcheggio dell’Adriatic Arena

In California nascerà un mercato di emissioni della CO2In California nascerà un mercato di emissioni della CO2

Fa notizia il fatto che il Governo della California abbia oggi deliberato per adottare un programma cap-and-trade ovvero un sistema di compravendita delle emissioni di CO2 simile a quello europeo

E’ Angelo Vassallo il Personaggio Ambiente 2010E’ Angelo Vassallo il Personaggio Ambiente 2010

L’ex sindaco di Pollica è stato il più votato dal popolo della rete sul sito www.personaggioambiente.it come la personalità che più ha ispirato e influenzato stili di vita e politiche a favore dell’ambiente.

Wikileaks: Bp aveva già avuto un incidenteWikileaks: Bp aveva già avuto un incidente

È avvenuto nel settembre del 2008 su una piattaforma in Azerbaijan

L’indice dei paesi più “rinnovabili” secondo Ernst & YoungL’indice dei paesi più “rinnovabili” secondo Ernst & Young

La Cina ha ormai consolidato a livello mondiale la posizione di leader nelle energie rinnovabili e nuovi paesi entrano come principali attori sul mercato

Taglio netto ai contributi in pericolo le riserve naturaliTaglio netto ai contributi in pericolo le riserve naturali

In ginocchio 73 siti naturalistici siciliani, territori protetti fino a oggi dalla criminalità, dall'abusivismo e dai cacciatori di frodo. In due anni la Regione ha ridotto i fondi del 70%

La rete offshore del nord Europa diventerà realtàLa rete offshore del nord Europa diventerà realtà

Prende forma il progetto della centrale eolica off shore  nel Mare del Nord

In cammino verso l’energia distribuita. Intervista a Jeremy RifkinIn cammino verso l’energia distribuita. Intervista a Jeremy Rifkin

 

Attivista, visionario, vegetariano, consigliere di ministri e capi di governo, saggista di successo su temi d’urgenza ambientale come l’idrogeno

Catamarano fotovoltaico sbarca alla conferenza sul climaCatamarano fotovoltaico sbarca alla conferenza sul clima

Turanor ha raggiunto l'obbiettivo Cancun 2010 dopo due mesi di viaggio

Pagina:

Car pooling Tandemobility
Per informazioni:

Chiama il + 39 02 700 251
o manda una mail a info@imginternet.com
o vai al nostro blog o seguici su Twitter


logo Imginternet
Visualizza: Mobile
Esegui ricerca