11 novembre 2010

Sostenibilità e modelli collaborativi: l’innovazione parte dal territorio

Bookmark and Share

L’edizione 2010 del Salone del Gusto e di Terra Madre, svoltasi a Torino dal 21 al 25 ottobre, ha ottenuto uno straordinario successo di pubblico con oltre duecentomila visitatori, di cui il 30% stranieri, ed una ricaduta economica sul territorio stimata attorno ai 100 milioni di euro.

Sostenibilità e modelli collaborativi: l’innovazione parte dal territorio

Tuttavia, l’evento non ha solo un’importanza commerciale, ma è anche e soprattutto un fondamentale laboratorio politico e culturale, dove vengono avanzate iniziative e proposte per diversi e più consapevoli modelli di produzione e consumo.

A riprova di questa considerazione il 24 ottobre è stato illustrato il documento su “Sostenibilità e Politiche Alimentari”, che, nella sua versione definitiva, verrà presentato il 10 dicembre in occasione del Terra Madre Day. Si tratta di un altro elemento della strategia di Slow Food, volta a promuovere modelli di sviluppo locale rispettosi della terra e dell’uomo, in grado di costituire una credibile e praticabile alternativa a un paradigma competitivo ancora dominante, basato sulla prevalenza dello short-termism e sulla logica della massimizzazione dello shareholder value a discapito delle altre constituencies, che, ad evidenza, risulta insostenibile.

In effetti, la situazione mondiale è chiara per chi sa e vuole leggere dati e tendenze. La crisi economico-finanziaria è l’ultimo, dirompente sintomo di una patologia più ampia, caratterizzata anche da emergenze sociali, ambientali, istituzionali, culturali.

Circa un miliardo di persone soffre di fame cronica. L’impronta ecologica dell’umanitàsupera del 50% la capacità di carico del pianetae, mentre le distanze sociali aumentano all’interno delle nazioni e tra Paesi, nel Nord del mondo la corsa alla crescita non rende i cittadini più felici. Al proposito, un dato riguardante l’Italia dovrebbe indurre a serie riflessioni, specialmente in sede politica: ormai circa il 7% del suolo nazionale risulta coperto da aree artificializzate. Gli stessi meccanismi di funzionamento della fiscalità locale, in cui le costruzioni rappresentano una fonte di entrate cruciale per i Comuni, hanno un evidente effetto distorsivo.

La sfida della sostenibilità, dunque, impone un profondo cambiamento nei paradigmi socio-economici, nelle coordinate interpretative, nelle modalità d’azione. Richiede di superare il mantra della competizione fine a se stessa per adottare forme dicollaborative governance tra soggetti pubblici, imprese e società civile. In questo quadro, Slow Food è un innovativo esempio di global action network, ossia di un’iniziativa multi-stakeholder volta a generare reali cambiamenti di sistema. E’ una prassi di globalizzazione virtuosa, che mette al centro della propria azione il cibo, le comunità locali, le loro identità, in una logica di rispetto, tutela e piena valorizzazione della biodiversità nelle sue varie declinazioni (ecologica, economica, sociale, culturale, ecc.).

L’esperienza di Slow Food si fonda su e promuove lo stesso approccio collaborativo, cui si ispirano le imprese migliori. La collaborative enterprise, infatti, supporta la propria sostenibilità lavorando per la sostenibilità del network di cui è parte e attivando processi ampi e condivisi di creazione di valore(i) per i differenti portatori d’interessi coinvolti. Si tratta di un modello che supera la prospettiva mainstreamprevalente e comporta una diversa e più completa visione del successo d’impresa. Se si vuole realizzare un vero sviluppo, è necessario integrare la tradizionale dimensione finanziaria per tenere conto delle istanze dei vari stakeholder (collaboratori, soci/azionisti, clienti, fornitori, partner finanziari, Stato, enti locali e pubblica amministrazione, comunità e ambiente) secondo un’ottica multiple bottom line.E’ dalla capacità di costruire relazioni sostenibili con i membri del proprio stakeholder network che l’impresa collaborativa deriva il suo successo duraturo.

Questa categoria interpretativa nuova trova nel nostro Paese opportunità di declinazione molto interessanti, perché si collega ad alcune caratteristiche distintive del tessuto produttivo italiano. Si pensi, ad esempio, ai distretti, alle reti di piccole e medie imprese, alle aziende familiari, alle filiere cooperative, alle esperienze più felici nel settore pubblico, ecc. Il framework collaborativo, allora, può svolgere un ruolo fondamentale nell’attuale fase di transizione innescata dalla crisi finanziaria.

Bisogna creare, adesso, le condizioni per un diverso modello di sviluppo: ragionare di green economy o, in una accezione più estesa, di sustainable economy significa esattamente questo. E lastrategia Europa 2020, assieme alla correlata Comunicazione della Commissione Europea, pubblicata alla fine d’ottobre e intitolata “Una politica industriale integrata per l’era della globalizzazione.

Riconoscere il ruolo centrale di concorrenzialità e sostenibilità
”, richiede proprio d’immaginare policy nuove, in cui l’eco-efficienza e l’eco-efficacia, i processi e i prodotti low o zero carbon, la social responsibility siano gli elementi chiave per combinare competitività, qualità della vita, coesione sociale e tutela del capitale naturale.

Questi traguardi si possono raggiungere solo attraverso una collaborazione estesa tra imprese, soggetti pubblici e società civile per promuovere reali innovazioni di sistema, che, partendo dai territori, costruiscano più avanzati percorsi di sviluppo.

Antonio Tencati, novembre 11, 2010

Antonio Tencati è Assistant Professor of Management and CSR, CReSV (Centro Ricerche Sostenibilità e Valore), Università Bocconi. Curatore, con il Professor Laszlo Zsolnai della Corvinus University di Budapest, del volume The Collaborative Enterprise: Creating Values for a Sustainable World, pubblicato da Peter Lang AG – International Academic Publishers, Oxford-Bern.

Articolo tratto da greenews.info

Primo piano
THINK City a quota 2.500THINK City a quota 2.500

L'auto elettrica continua a diffondersi, ma l'Italia è pronta ad accoglierla?

NEC: pronta la batteria organicaNEC: pronta la batteria organica

Dopo anni di ricerche Nec ha annunciato di avere finalmente a disposizione il prototipo funzionante della nuova batteria organica supersottile

Salta la proroga della detrazioni per la riqualificazione energetica degli edificiSalta la proroga della detrazioni per la riqualificazione energetica degli edifici

È saltata la proroga al 2011 della detrazione Irpef del 55% sulle spese per l'efficientamento energetico degli edifici. La misura doveva essere introdotta nella legge di stabilità (ex Finanziaria) dal maximendamento del Governo

In treno da Bruxelles ad Amsterdam grazie alle rinnovabiliIn treno da Bruxelles ad Amsterdam grazie alle rinnovabili

Un impianto fotovoltaico unico nel suo genere, sul tetto del tunnel dell'alta velocità in Belgio, permetterà ai passeggeri dei treni da Bruxelles verso Amsterdam di viaggiare ad energia verde.

Il petrolio della Haven  nei nostri piattiIl petrolio della Haven nei nostri piatti

Bonifiche fantasma e pesci ripuliti dal catrame per essere venduti. Sui fondali davanti a Genova giacciono ancora cinquantamila tonnellate di greggio. Che non fermano i pescatori

Presentato a Londra un nuovo sistema di ricarica wirelessPresentato a Londra un nuovo sistema di ricarica wireless

In un futuro non molto lontano le nuove tecnologie ci permetteranno di ricaricare la batteria dell’auto senza fili ed anche in movimento

Le case automobiliste giapponesi sono interessate alla tecnologia EV EliicaLe case automobiliste giapponesi sono interessate alla tecnologia EV Eliica

Mitsubishi, Isuzu ed altre case automobilistiche giapponesi hanno deciso di finanziare il progetto

Sostenibilità e modelli collaborativi: l’innovazione parte dal territorioSostenibilità e modelli collaborativi: l’innovazione parte dal territorio

L’edizione 2010 del Salone del Gusto e di Terra Madre, svoltasi a Torino dal 21 al 25 ottobre, ha ottenuto uno straordinario successo di pubblico con oltre duecentomila visitatori, di cui il 30% stranieri, ed una ricaduta economica sul territorio stimata attorno ai 100 milioni di euro.

Car sharing Milano: spazio all’ecosostenibilitàCar sharing Milano: spazio all’ecosostenibilità

A partire dal prossimo mese di dicembre a Milano le auto che sono adibite al servizio di car sharing, nell’ambito di una maggiore eco-sostenibilità, accompagnata da una conseguente riduzione del traffico di auto private, potranno circolare anche nelle corsie che sono riservate ai taxi ed al trasporto pubblico, ma anche nelle Zone a Traffico Limitato (ZTL).

Protezione delle biodiversità e strategie aziendaliProtezione delle biodiversità e strategie aziendali

Il 2010 è stato dichiarato dalle Nazioni Unite l’anno della biodiversità con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale sulla rilevanza di questo tema, fattore fondamentale per il mantenimento di ecosistemi vitali e produttivi, in grado di generare i servizi ecologici alla base del nostro benessere.

Pagina:

Car pooling Tandemobility
Per informazioni:

Chiama il + 39 02 700 251
o manda una mail a info@imginternet.com
o vai al nostro blog o seguici su Twitter


logo Imginternet
Visualizza: Mobile
Esegui ricerca