10 gennaio 2011

Singapore: una sfida tropicale tra sostenibilità e sviluppo

Bookmark and Share

Non sembra vero che le torri di uffici dalle luci cangianti, simili a imponenti ed enormi robot, distino poche fermate di metropolitana dalla densa foresta tropicale

Singapore: una sfida tropicale tra sostenibilità e sviluppo

E’ facile sentirsi minuscoli e spiazzati quando si arriva a Singapore, rimpiccioliti da altissimi grattacieli dalle forme più strane e persi negli infiniti corridoi commerciali sotterranei.

A prima vista potrebbe sfuggire l’ampio spazio dato al verde in quest’isola-stato ubicata pochi gradi sopra l’equatore. E invece, a due passi dal centro commerciale e finanziario della città, i ragazzini fanno volare gli aquiloni correndo sul prato di un enorme serbatoio di acqua potabile che da’ sul mare aperto e la discarica del paese è un’enorme isola, meta di passeggiate alla scoperta della natura.

Definita dal giornalista Cherian George “la nazione ad aria-condizionata” per aver saputo sposare comfort e controllo centrale, Singapore è un esempio unico al mondo di paese  che, basandosi  su una precisa idea politica, economica e sociale, ha saltato tappe a passi da gigante e in meno di mezzo secolo è passata dal terzo al primo mondo.

L’elemento architettonico è sicuramente ciò che salta per primo all’occhio. A Singapore si tirano su e giù palazzi come castelli di carte e la città è un perenne cantiere, tanto che c’è chi ha ironicamente suggerito che l’animale simbolo dovrebbe essere la gru. Tuttavia, i massicci interventi edilizi non hanno impedito l’affermazione degli standard di sostenibilità ambientale stabiliti dal Green Labelling Scheme, per cui oggi tutti gli enti costruttori sono tenuti ad utilizzare soluzioni eco-compatibili e quindi a progettare tutti i nuovi edifici in modo da ottenere punti e agevolazioni; ad esempio gli impianti di aria condizionata già in alcune zone sono centralizzati e non più individualmente collocati sulla sommità dei grattacieli ed è stata introdottauna direttiva che impone di restituire al verde il 100% della superficie edificata collocando giardini pensili sui tetti o creando aree verdi comuni nell’edificio.

Inoltre, a livello pedonale, sono state trovate soluzioni per creare spazi pubblici all’aria aperta dove i passanti abbiano un po’ di comfort, come ad esempio i ventilatori funzionanti ad energia solare che si azionano quando i sensori avvertono il passaggio di pedoni o il serpentone di acciaio inossidabile lungo 250 metri che spruzza acqua vaporizzata a seconda della temperatura esterna, entrambe  creazioni fantasiose progettate dallo studio australiano Cox e collocate lungo la passeggiata di Marina Bay, sede dell’ultimo grande intervento urbanistico.

La pianificazione della città ha previsto ampie zone consacrate alla natura: chilometri di percorsi permettono di attraversare la città passando per sentieri immersi nellaforesta tropicale, compresa nello spazio cittadino e rendono Singapore una delle città più verdi del continente. Ponti pedonali come l‘Alexandra Arch o l’Henderson Wave,  particolari opere architettoniche integrate nella natura, collegano le varie riserve naturali quali ilBukit Timah o la Labrador Reserve formando la cosiddetta Green Network, una rete di parchi, itinerari e zone verdi connessi tra loro.

Si dice che la necessità aguzzi l’ingegno ed ecco che il clima tropicale, l’imponenza dell’ambiente naturale e lo spazio limitato a disposizione hanno imposto l’esigenza di trovare costantemente soluzioni per ottimizzare le risorse in modo da mantenere un equilibrio tra sviluppo e natura, ovvero sposando un livello di vita elevato pur preservando l’ambiente.

La gestione dei rifiuti è un esempio di soluzione innovativa, seppur discutibile. Unendo due isole, Pulau Semakau e Pulau Sakeng, Singapore ha creato un’enorme isola-discarica che si prevede riuscirà a contenere i bisogni del paese fino al 2045. Dopo essere passati nei quattro inceneritori della città, i rifiuti approdano sulla spiaggia della discarica Semakau e foreste di mangrovie permettono di individuare eventuali sversamenti tossici e consentono la vita vegetale e animale nelle acque circostanti. L’esperimento pare talmente riuscito che l’isola è aperta al pubblico per escursioni e gite sportive.

Anche la questione delle risorse idriche è stata risolta in modo ingegnoso. In tutta l’isola sono stati creati numerosi bacini di acqua potabile, tutti fruibili dal pubblico come luoghi di svago immersi nella natura. Il più recente e spettacolare è sicuramente il Marina Barrage, diga e serbatoio idrico costruito in pieno centro. Costruita a forma di 9, in cinese simbolo di longevità, la struttura ospita sulla sua sommità il parco solare più grande di Singapore e un enorme prato dove si ritrovano giovani e famiglie. La diga separa acqua dolce e salata, funge da barriera per le inondazioni dovute all’alta marea e copre il 10% del fabbisogno idrico della città. Di fatto, Singapore si vanta di essere uno dei pochissimi paesi in Asia dove l’acqua corrente è potabile. Attualmente le fonti di acqua potabile (“i rubinetti”, come vengono definiti) sono l’acqua piovana, raccolta attraverso un complesso sistema di serbatoi e tubature, la cosiddetta “NeWater”, un tipo di acqua purificata ricavata dalle acque reflue, che copre il 30% del fabbisogno nazionale, l’acqua desalinizzata e l’acqua importata dalla Malesia. Ma l’obiettivo è di diventare al 100% indipendenti dalla Malesia potenziando l’utilizzo della NeWater e dei serbatoi come il Marina Barrage.

Per certi versi Singapore rappresenta una sorta di città utopica, realizzata secondo una visione che implica un’oculata gestione a tutti i livelli e che per realizzarsi ha richiesto una pianificazione mirata e controllata nei minimi dettagli. Per quanto l’estrema pianificazione possa spaventare o meravigliare, è indubbio che quest’esperimento studiato a tavolino abbia saputo accogliere nella sua idea di sviluppo anche l’attenzione per l’ambiente, plasmandola per creare una città’ vivibile (e vissuta) dai propri abitanti e non un mero luogo asettico, fatto solo di banche, uffici e centri commerciali, come spesso si crede.

Articolo tratto da greenews.info 

Primo piano
Volvo C30 Electric crash test - salone di Detroit 2011Volvo C30 Electric crash test - salone di Detroit 2011

Volvo, ha esposto al Detroit la C30 Electric sottoposta ad un crash test, per dimostrare l’efficacia dei propri studi anche nel settore emergente delle auto ad emissioni zero
 

Il quarto rapporto Euromobility sulla mobilità sostenibileIl quarto rapporto Euromobility sulla mobilità sostenibile

E’ Venezia la città più “eco-mobile” d’Italia.  La città veneta, sesta lo scorso anno, si aggiudica così il trofeo italiano della mobilità sostenibile, scalzandoBologna dal primo posto, seguita da Parma eTorino, che passa dalla tredicesima alla terza posizione

Singapore: una sfida tropicale tra sostenibilità e sviluppoSingapore: una sfida tropicale tra sostenibilità e sviluppo

Non sembra vero che le torri di uffici dalle luci cangianti, simili a imponenti ed enormi robot, distino poche fermate di metropolitana dalla densa foresta tropicale

Dal 2011 stop ai sacchetti di plasticaDal 2011 stop ai sacchetti di plastica

Alcune città francesi e americane ci hanno pensato anni fa. In Italia c’è voluto un po’ più di tempo e le consuete proroghe ma ieri, 22 dicembre, il Consiglio dei Ministri ha finalmente confermato lo stop all’utilizzo dei sacchetti di plastica dal 1 gennaio 2011

Accordo di Copenaghen saltato per colpa degli hacker, nuova rivelazione di WikileaksAccordo di Copenaghen saltato per colpa degli hacker, nuova rivelazione di Wikileaks

Tutti pensavamo che il congresso di Copenaghen fosse stato un fallimento perché le parti in causa, specialmente Cina e Stati Uniti, non volevano impegnarsi nella lotta contro i cambiamenti climatici. In parte questo corrisponde al vero, ma c’è di più.

Auto elettriche: nuovo stazioni e-den Audi per ricaricare le batterie e intrattenersiAuto elettriche: nuovo stazioni e-den Audi per ricaricare le batterie e intrattenersi

Al via il progetto di innovative stazioni di ricarica dedicate alle persone, dove l’attesa del pieno diventa un momento produttivo

Minicar elettriche e gratuite per Pordenone e provinciaMinicar elettriche e gratuite per Pordenone e provincia

22 miniautomobili elettriche per muoversi nelle zone a traffico limitato del capoluogo e della provincia. Un iniziativa per inquinare meno e ridurre il traffico

Da oggi il passaporto si chiede sul web Nuovo servizio, via le code in questuraDa oggi il passaporto si chiede sul web Nuovo servizio, via le code in questura

La Polizia annuncia un nuovo servizio per ottenere il passaporto compilando la domanda via web che se funzionerà come annunciato sarà una vera rivoluzione e soprattutto sancirà la fine delle file in questura

Auto elettriche in affitto: a Parigi nel 2011 partirà Autolib, programma di car sharing con la BlueCar di BolloréAuto elettriche in affitto: a Parigi nel 2011 partirà Autolib, programma di car sharing con la BlueCar di Bolloré

Auto elettriche in affitto anche a Parigi. Dopo l'avvio del programma “E-vai”, iniziato in via sperimentale nei giorni scorsi a Milano, anche la metropoli francese si doterà di un proprio servizio di car sharing che ha come oggetto la condivisione di autoveicoli elettrici

CeNerone, il progetto romano contro i mozziconi di sigarettaCeNerone, il progetto romano contro i mozziconi di sigaretta

Per sensibilizzare cittadini e turisti l’Ama, l’azienda di raccolta e smaltimento rifiuti della provincia di Roma, in collaborazione con CiAl (Consorzio Imballaggi Alluminio) e Comieco ha dato vita al progetto CeNerone, in ricordo dell’imperatore incendiario che distrusse Roma

Pagina:

Car pooling Tandemobility
Per informazioni:

Chiama il + 39 02 700 251
o manda una mail a info@imginternet.com
o vai al nostro blog o seguici su Twitter


logo Imginternet
Visualizza: Mobile
Esegui ricerca