30 novembre 2010

Polveri sottili e acque reflue, l'Italia deferita alla corte Ue

Bookmark and Share

La Commissione europea ha deciso di intervenire a causa del mancato rispetto delle legislazione in materia di Pm10 e trattamento dei liquami. Insieme a noi Spagna, Portogallo e Cipro. Sotto osservazione anche la direttiva sul rendimento energetico degli edifici 

Polveri sottili e acque reflue, l'Italia deferita alla corte Ue

La Commissione europea punta il dito sul Paese e ha deciso di mettere l'Italia sul banco degli imputati alla Corte di giustizia dell'Ue. Sotto accusa, i livelli di polveri sottili e trattamento delle acque reflue.

Nel primo caso, il nostro Paese è stato deferito insieme a Spagna, Portogallo e Cipro. Per Bruxelles "non è stato finora affrontato in modo efficace il problema delle emissioni eccessive di Pm10", i cui valori limite sono stati superati in numerose zone.

Gli Stati membri dovevano adeguarsi entro il 2005 alla legislazione europea, secondo la quale i cittadini non dovrebbero essere esposti alle microparticelle Pm10 i cui valori limite non devono essere superati per più di 35 volte in un anno di calendario. Un'esenzione è possibile fino a giugno 2011, ma solo se il Paese dimostra di avere adottato misure per rispettare gli obblighi entro il termine proprogato. La Commissione, però, ritiene che, per quanto riguarda l'Italia, "le condizioni per concedere la proroga non siano state rispettate" e per questo "ricorre alla Corte di giustizia europea".

La Commissione europea ha anche deciso per di intervenire contro il nostro Paese per il mancato rispetto delle normative comunitarie sul trattamento delle acque reflue provenienti da vari comuni della provincia di Varese e sversate nel bacino del fiume Olona. In questo caso si tratta in realtà di un secondo ricorso, per inadempienza rispetto a una sentenza della Corte già emessa quattro anni fa, nel novembre 2006, a cui le autorità italiane non hanno mai dato esecuzione. In caso di un seconda condanna, l'Italia rischia quindi pesantissime sanzioni pecuniarie giornaliere, proporzionali alla durata del mancato adeguamento.

Una terza procedura d'infrazione decisa oggi dalla commissione contro l'italia, anche se a uno stadio meno avanzato, riguarda la direttiva europea sul rendimento energetico degli edifici, le informazioni utili sugli immobili che i cittadini acquistano o affittano. In questo caso si tratta di un 'parere motivato': Bruxelles minaccia il ricorso in Corte Ue se l'Italia non adotterà entro due mesi una normativa conforme alle esigenze della direttiva in materia di rilascio degli attestati di rendimento energetico degli edifici, e che includa anche l'obbligo di ispezioni periodiche degli impianti di condizionamento d'aria per valutarne il rendimento.

Articolo tratto da Repubblica.it 

Primo piano
Fs e “le grandi” firmano dichiarazione mondiale su Trasporto SostenibileFs e “le grandi” firmano dichiarazione mondiale su Trasporto Sostenibile

L’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato insieme agli altri Ceo delle principali Società ferroviarie hanno sottoscritto la dichiarazione “Mobilità e Trasporto Sostenibile” promossa dall’International Union of Railways (UIC)

La stazione di ricarica per auto elettriche che si alimenta ad energia solareLa stazione di ricarica per auto elettriche che si alimenta ad energia solare

Il progetto di una stazione di ricarica a pannelli solariè stato presentato nell’ambito di Open Planet Ideas, il progetto voluto da Sony e dal WWF

Gli Usa incassano il colpo: le rinnovabili cinesi come lo SputnikGli Usa incassano il colpo: le rinnovabili cinesi come lo Sputnik

Il Segretario Usa per l’Energia Steven Chu, durante un incontro con la stampa, ha definito la corsa della Cina nel mercato energetico “verde” uno “Sputnik Moment” che obbliga gli Usa a fare di più per non arrivare secondi nella corsa per la leadership mondiale nel campo delle rinnovabili

Emirati Arabi, rinnovabili indispensabili per un'economia in crisiEmirati Arabi, rinnovabili indispensabili per un'economia in crisi

Nel corso di un incontro su cambiamenti climatici e politica energetica, che si è svolto ad Abu Dhabi, il Direttore Generale di IRENA ha sottolineato la necessità di una transizione dell’attuale sistema energetico verso un uso più diffuso delle rinnovabili

Restructura 2010: successo dell’edilizia sostenibileRestructura 2010: successo dell’edilizia sostenibile

La XXIII edizione di Restructura si è chiusa domenica  al Lingotto Fiere di Torino, confermandosi un appuntamento importante per il mondo dell’edilizia  

Houston, la prima città a misura di auto elettricaHouston, la prima città a misura di auto elettrica

La città texana nota per i pozzi petroliferi sviluppa il primo progetto dedicato alle auto elettriche: un mix di caricatori domestici e stazioni pubbliche da 10 milioni di dollari 

Polveri sottili e acque reflue, l'Italia deferita alla corte UePolveri sottili e acque reflue, l'Italia deferita alla corte Ue

La Commissione europea ha deciso di intervenire a causa del mancato rispetto delle legislazione in materia di Pm10 e trattamento dei liquami. Insieme a noi Spagna, Portogallo e Cipro. Sotto osservazione anche la direttiva sul rendimento energetico degli edifici 

Il futuro dell'energia elettrica è nelle smart gridIl futuro dell'energia elettrica è nelle smart grid

Nasce la SEDC, associazione che promuoverà in Europa la creazione delle reti "intelligenti" per la distribuzione dell'elettricità 

Le 7 alternative al silicio nel futuro del FotovoltaicoLe 7 alternative al silicio nel futuro del Fotovoltaico

A Povo, in provincia di Trento si è conclusa la giornata di studio “Il futuro del silicio nel fotovoltaico” 

Nasce e-Part, nuovo servizio web per segnalare disagi e malfunzionamenti nella gestione delle proprie cittàNasce e-Part, nuovo servizio web per segnalare disagi e malfunzionamenti nella gestione delle proprie città

Si chiama e-Part ed è la nuova piattaforma che sarà disponibile per tutti i cittadini offrendo loro la possibilità di segnalare emergenze, malfunzionamenti o bisogni nella loro città e poi,volendo, di proporre una possibile soluzione al problema

Pagina:

Car pooling Tandemobility
Per informazioni:

Chiama il + 39 02 700 251
o manda una mail a info@imginternet.com
o vai al nostro blog o seguici su Twitter


logo Imginternet
Visualizza: Mobile
Esegui ricerca