5 novembre 2010

Normative USA, il paradosso della Volt

Bookmark and Share

La Chevrolet Volt: negli Stati Uniti, le norme del Carb (California Air Resources Board) penalizzano l'innovativa berlina 

Normative USA, il paradosso della Volt

Emilio Brambilla, 04/11/2010

Da noi, Euro 4, 5, 6 classificano le emissioni inquinanti delle vetture; negli Usa, invece, si parla di Ulev, Lev, Pzev, Zev. Da pochi giorni, la Chevrolet Volt è stata classificata Ulev (ultra low emission vehicles) dall'ente governativo California Air Resources Board (Carb), un risultato molto deludente per una vettura tanto innovativa, che era stata presentata come un'elettrica pura dotata di motore a benzina ausiliario da utilizzare esclusivamente per la ricarica delle batterie.

Situazione paradossale. Per capire l'entità dello smacco subito da GM basta pensare che ben il 55% delle auto nuove vendute in California sono Ulev, tanto che in questa categoria rientrano pure grosse Suv quali la Dodge Durango e la Jeep Grand Cherokee. Una compagnia imbarazzante per un modello verde, che all'atto pratico consuma e inquina molto meno delle succitate Suv.

Penalizzata. Commercialmente è ancor più grave il fatto che il Carb abbia inserito nella categoria Pzev (partial zero emission vehicles, che raggruppa modelli ben più puliti delle Ulev) due ibride decisamente meno costose della Volt (autonomia elettrica di 60 km), quali la Toyota Prius (autonomia elettrica di 2 km) e l'Honda Insight (che non è in grado d'accelerare da fermo in modalità puramente elettrica). Con buona pace di chi ancora considera le diesel vetture inquinanti, l'ente californiano considera meno inquinanti della Volt anche normali auto a gasolio, quali la Volkswagen Jetta e la Honda Accord, inserite nella categoria delle Sulev (super ultra low emissions vehicle).

Né incentivi né corsie preferenziali. A mettere nei pasticci la Volt sono le emissioni di CO2 pari a 1.3 g/miglio, mentre il limite per rientrare nelle Pzev è di 1.0 g/miglio. Una differenza minima che ha grandi ripercussioni: stando così le cose, infatti, in California e nei sedici Stati che seguono le classificazioni Carb, la Volt non potrà usufruire dell'incentivo all'acquisto di 5.000 dollari e nemmeno rientrare nella categoria delle elettriche, cosa che le consentirebbe d'utilizzare le corsie preferenziali (dove invece possono viaggiare le auto a gas e quelle a batteria).

In attesa delle norme giuste. Il problema non è soltanto una questione di emissioni: per proteggere gli acquirenti delle vetture Pzev (che adottato tecnologie meno mature e molto sofisticate) il Carb esige che la loro garanzia sia di 10 anni o 240.000 km, mentre la Volt offre 160.000 km oppure otto anni. La Chevrolet sconta il ritardo con il quale gli enti governativi si sono attivati per adeguare le normative all'inedita tipologia di ibride plug in e adesso in GM sperano che i legislatori promulghino entro la fine del 2010 le norme LEV III espressamente messe a punto per le plug-in.

Articolo pubblicato da www.quattroruote.it

Primo piano
L'ecomobilità del futuro? Uno spettacoloL'ecomobilità del futuro? Uno spettacolo

Appassionati di motori, riunitevi a Roma! Dal 9 all'11 novembre, nella bella cornice di piazza Navona, torna H2Roma, la manifestazione dedicata alla mobilità sostenibile

Normative USA, il paradosso della VoltNormative USA, il paradosso della Volt

La Chevrolet Volt: negli Stati Uniti, le norme del Carb (California Air Resources Board) penalizzano l'innovativa berlina 

Pisa capitale dell'auto elettrica grazie alle SmartPisa capitale dell'auto elettrica grazie alle Smart

Al via il progetto e-mobility, che coinvolgerà anche Roma e Milano, consegnate le prime Fortwo Electric Drive

Ambiente, la scure del governo tagliato un miliardo di euroAmbiente, la scure del governo tagliato un miliardo di euro

Rapporto Wwf: i fondi ridotti del 60 per cento in tre anni. La legge di stabilità sancisce l'agonia del ministero: la penalizzazione più pesante mentre aumenta il degrado del territorio

Referendum per l’ambiente a Milano: raggiunta quota 18.000, si votaReferendum per l’ambiente a Milano: raggiunta quota 18.000, si vota

Entro la data ultima del 6 novembre le firme saranno consegnate al Comune di Milano 

Carpooling, atenei in campo contro auto e smogCarpooling, atenei in campo contro auto e smog

Carpooling, Bici, sconti sui mezzi, navette verdi. L’obiettivo: una mobilità sostenibile per 200mila fra studenti e professori 

Il primo astronauta robot fermato da un guasto allo ShuttleIl primo astronauta robot fermato da un guasto allo Shuttle

Robonaut2 sale a bordo del Discovery. Ma un guasto costringe a rinviare in extremis la partenza

Nasce a Nagoya la nuova Era della BiodiversitàNasce a Nagoya la nuova Era della Biodiversità

La conferenza giapponese delle Nazioni Unite si chiude con un successo 

Aria di casa? Più inquinata di quella esternaAria di casa? Più inquinata di quella esterna

Una ricerca dell’Epa e dell’Istituto superiore di sanità italiano ha scoperto che l’aria di casa è 5 volte più inquinata di quella esterna 

Milanosimuove, raggiunta la quota per i 5 referendum sull’ambienteMilanosimuove, raggiunta la quota per i 5 referendum sull’ambiente

Quindicimila e uno firme. Quota raggiunta per indire i cinque referendum sull’ambiente nel capoluogo lombardo.    

Pagina:

Car pooling Tandemobility
Per informazioni:

Chiama il + 39 02 700 251
o manda una mail a info@imginternet.com
o vai al nostro blog o seguici su Twitter


logo Imginternet
Visualizza: Mobile
Esegui ricerca