25 gennaio 2011

La città felice grazie ai rifiuti "La discarica ci rende ricchi"

Bookmark and Share

A Mariana, nel Mantovano, bonus bimbi e poche tasse. Gli abitanti raccontano: "C'è una casa con 9 appartamenti a 90 euro al mese. I giovani vogliono tutti venire qui. E il Comune senza questa risorsa avrebbe fatto bancarotta 15 anni fa"

La città felice grazie ai rifiuti "La discarica ci rende ricchi"

C'è una montagna di terra, subito dopo l'ingresso della discarica. "Serve per ricoprire i rifiuti scaricati dai camion. Prima passano i compattatori con le ruote dentate, e subito dopo il tutto viene coperto con questa argilla. Vede, siamo tanto veloci che anche i gabbiani non trovano nulla da mangiare. Ne vediamo qualcuno, ogni tanto". C'è una montagna di terra, subito dopo l'ingresso della discarica. "Serve per ricoprire i rifiuti scaricati dai camion. Prima passano i compattatori con le ruote dentate, e subito dopo il tutto viene coperto con questa argilla. Vede, siamo tanto veloci che anche i gabbiani non trovano nulla da mangiare. Ne vediamo qualcuno, ogni tanto". È contento, il sindaco Angelo Rosa, trent'anni in politica prima Dc poi Margherita e ora capo di una giunta "pronta a discutere di tutto meno che di politica". "Se non ci fosse la discarica, come Comune avremmo fatto bancarotta già quindici anni fa".

E invece, in una terra piatta che più piatta non si può, i compattatori che altrove hanno portato proteste e fiamme, qui hanno portato ricchezza. "Bisogna usare la testa. Se si ragiona, anche i problemi più gravi si risolvono. Io quelli di Napoli un po' li capisco. Ad ogni emergenza, c'è chi dice di risolvere tutto e invece non risolve nulla. Ma anche loro debbono cambiare testa: non possono continuare a dire: la discarica si deve fare, ma non qui da noi. Ci vogliono programmazione e consenso".

La ricchezza si vede, in questo paese - 732 abitanti - grande come certi condomini di periferia. Nel centro storico le case sono ben tenute e appena fuori, invece degli appartamenti, si costruiscono ville e villette a schiera. "Capitolo 1: se vuoi che la gente venga ad abitare qui, devi dargli una casa. E allora noi vendiamo aree già urbanizzate a 30 euro al metro quadrato, contro i 200 di Asola, un Comune a 8 chilometri da qui. Una villetta a schiera di 120 metri quadri calpestabili qui la compri con nemmeno 120.000 euro". Il tesoro comunale è la discarica stessa. Per ogni tonnellata di rifiuto solido urbano il Comune incassa 13 euro e altri soldi arrivano dal biogas prodotto nello stesso impianto. L'anno scorso sono arrivati 1,2 milioni di euro (in un bilancio comunale che, senza discarica, supera appena il milione). "E così - racconta il primo cittadino - possiamo fare cose importanti: chi abita qui, o arriva per abitare nella villetta acquistata, quando si sposa riceve 750 euro. Quando nasce il primo figlio, ecco 500 euro per le prime spese. Per il secondo e altri figli, 1000 euro a testa. I bimbi crescono e vanno alle elementari: ecco allora 500 euro all'anno. Abbiamo la scuola materna e lì non si paga la retta".

Asilo nido, materna ed elementari, con doposcuola, non hanno bisogno di catering. "Il Comune ha una cuoca, la signora Daniela Ferrari, e ci pensa lei". Sono tutte unite, le scuole. Oggi si servono pasta con olio e parmigiano, filetto di merluzzo, verdure miste. "Il resto del personale non è tanto - cinque impiegati, uno stradino, un vigile urbano a metà con Acquanegra - ma ci basta. I bimbi pagano la mensa, ma appena 3 euro a pasto, contro i 7,71di Redondesco, il Comune qui vicino, o Mantova". Nessuna tassa sui rifiuti, l'Irpef è sconosciuta, l'Ici era scomparsa anni prima dell'annuncio di Berlusconi.

Il sindaco mostra con orgoglio il "suo" piccolo regno. "Questa casa padronale l'abbiamo comprata e ristrutturata. Ne abbiamo ricavato nove appartamenti molto curati, che affittiamo a chi è in difficoltà: novanta euro al mese. E poi abbiamo costruito la bocciofila, stiamo preparando la palestra... Insomma, fino a quindici anni fa rischiavamo di scomparire: eravamo rimasti solo in 596. Adesso siamo in crescita e la cosa bella è che dai paesi vicini arrivano soprattutto giovani che si vogliono sposare e mettere su casa".

Quasi non si vede, la discarica. È alta dieci - dodici metri in tutto. "Con la pronta copertura dei rifiuti, non c'è mai odore cattivo. A volte si dà la colpa alla discarica ma la puzza arriva dal letame o liquidi suini sparsi nelle campagne". Comunque, il tesoretto comunale è a tre chilometri dal paese, lontano dagli occhi. "Ero sindaco anche allora, quando a metà degli anni '90 si seppe che la Regione aveva deciso di mettere la discarica del mantovano qui o a Redondesco o Acquanegra. Io mi sono detto: se deve arrivare, tanto vale avere oltre al disturbo anche qualche vantaggio. Se la mettono nel Comune accanto ho solo problemi e nessuna entrata. Ho cercato l'accordo con gli altri sindaci ma loro non ne volevano sapere. Ho fatto riunioni con i cittadini, ho spiegato il progetto. Solo pochissimi erano contrari. Dicevano le stesse cose che si sentono adesso in televisione, quando si vuole fare una discarica da qualche parte. "Sì, ma non a casa nostra". E così da 15 anni l'impianto è nel nostro territorio ma proprio a ridosso degli altri due paesi, più vicini del nostro alla discarica. Chissà perché, con quei sindaci non sono più riuscito a fare pace".

Articolo tratto da Repubblica.it

Primo piano
Rinnovabili, Obama le rilancia nel suo discorso sullo Stato dell’UnioneRinnovabili, Obama le rilancia nel suo discorso sullo Stato dell’Unione

Il discorso sullo Stato dell’Unione 2011 di Barack Obama ha fatto il giro del mondo grazie, oltre che alle tematiche economiche, anche al ritorno del tema ambientale, che le politiche intraprese negli ultimi due anni dal Presidente degli Stati Uniti sembravano aver lasciato un po’ da parte

Tariffa bioraria bolletta luce 2011: a chi conviene e quandoTariffa bioraria bolletta luce 2011: a chi conviene e quando

Dal primo gennaio 2011, circa 20 milioni di famiglie sono già entrate nel nuovo sistema obbligatorio di calcolo biorario ed entro la fine anno diventeranno 26 milioni coloro che dovranno passare alla tariffa bioraria

Consegna in USA la prima Smart elettrica di seconda generazioneConsegna in USA la prima Smart elettrica di seconda generazione

Come promesso, Smart ha consegnato il primo modello della seconda generazione Fortwo Electric Drive

Expo Milano 2015, arriva l’eco-moneta riciclataExpo Milano 2015, arriva l’eco-moneta riciclata

Sarà presentata domani l’eco-moneta coniata dalla Zecca italiana, e realizzata con metallo riciclato

Blocco traffico Milano 2011: date, regole e auto che possono andareBlocco traffico Milano 2011: date, regole e auto che possono andare

Diciassette giorni di sforamento dei limiti Ue: blocco del traffico dalle 10 alle 18, esentati veicoli a impatto zero. Deroghe per medici e ministri di culto

La città felice grazie ai rifiuti "La discarica ci rende ricchi"La città felice grazie ai rifiuti "La discarica ci rende ricchi"

A Mariana, nel Mantovano, bonus bimbi e poche tasse. Gli abitanti raccontano: "C'è una casa con 9 appartamenti a 90 euro al mese. I giovani vogliono tutti venire qui. E il Comune senza questa risorsa avrebbe fatto bancarotta 15 anni fa"

Mazda 2: nel 2012 una variante elettrica in GiapponeMazda 2: nel 2012 una variante elettrica in Giappone

Mazda ha annunciato nel pomeriggio di ieri che sta sviluppando in maniera indipendente una nuova piccola elettrica su base Mazda 2, modello che in Giappone è commercializzato con il nome di Demio
 

Shopper falsi biodegradabili arriva lo stop del GaranteShopper falsi biodegradabili arriva lo stop del Garante

L'Autorità ha bocciato come ingannevole la pubblicità delle buste di plastica tradizionale con aggiunta di additivi. Accolto il ricorso di Legambiente e della società che ha brevettato la Mater B

Nascerà in India la più grande centrale da mareeNascerà in India la più grande centrale da maree

L’impianto nascerà nel golfo di Kutch (appartenente allo Stato del Gujarat) sulla costa occidentale dell’India ed avrà una potenza di 50 MW

Energia dal gelato, ci prova la UnileverEnergia dal gelato, ci prova la Unilever

La costruzione di un bio-digestore converte i prodotti di scarto della produzione dei gelati in modo da fornire il 40% del fabbisogno di energia alla fabbrica

Pagina:

Car pooling Tandemobility
Per informazioni:

Chiama il + 39 02 700 251
o manda una mail a info@imginternet.com
o vai al nostro blog o seguici su Twitter


logo Imginternet
Visualizza: Mobile
Esegui ricerca