15 novembre 2010

Inquinamento, Londra prova lo spray anti PM10

Bookmark and Share

Iniziata la sperimentazione di un innovativo metodo di riduzione delle polveri sottili 

Inquinamento, Londra prova lo spray anti PM10

Un importante messaggio ci arriva da Oltremanica. Mentre l’Italia è costretta a pagare multe salatissime per aver sforato in quasi tutte le grandi città il limite di PM10 consentito dall’Unione Europea, Londra ha trovato una soluzione al costo di appena 300 mila sterline (poco più di 350 mila euro): uno spray anti-PM10.

Si tratta di una soluzione spruzzata sulla pavimentazione delle due principali arterie cittadine a base di calcio acetato di magnesio in grado di attrarre a sé le sostanze inquinanti (il PM10 è prodotto dai gas di scarico, dai pneumatici e dai freni delle auto), non permettendogli di sollevarsi in aria dove possono diventare pericolose per la salute.

Con questo progetto, fortemente voluto dal sindaco Boris Johnson, si spera di riuscire a ridurre del 10-20% la quantità di PM10 presente nell’aria di Londra, permettendo alla Capitale inglese di evitare le sanzioni Ue. Se sembra poco, va considerato che siamo ancora alla fase sperimentale, e che questo spray verrà spruzzato soltanto nelle due zone più trafficate della città. Se dovesse avere successo, potrebbe essere utilizzato anche in tantissime altre aree, riducendo drasticamente la produzione di questi ed altri inquinanti.

Il funzionamento è semplice: si spruzza questa composizione salina sulla strada, questa attrae i PM10, li lascia attaccare sull’asfalto e poi, con la pioggia o con la pulizia delle strade, viene lavata via. Un aspetto molto importante è che non ci sono rischi per la salute. Infatti la sostanza non comporta controindicazioni né se viene inalata dai pedoni, né va a contaminare la falda acquifera, dato che non è considerata inquinante.

Londra non è la prima città europea dove questo esperimento viene provato, ma in precedenza, seppur in aree più piccole, la soluzione è stata sperimentata con successo in Svezia, Austria, Norvegia ed in alcune zone d’Italia. La fase di prova a Londra durerà 6 mesi, dopodiché ci vorrà qualche mese per rielaborare i dati e tra un anno verranno tirate le somme. Se l’esperimento sarà andato a buon fine, potrà essere ripetuto in una porzione più ampia della città, con la potenzialità di diventare il futuro della lotta all’inquinamento.

Articolo tratto da Ansa.it 

Primo piano
California, Messico e Brasile lanciano l’alleanza “taglia CO2”California, Messico e Brasile lanciano l’alleanza “taglia CO2”Il segretario alla Protezione ambientale californiana Linda Adams ha annunciato il via libera alla costituzione di un’intesa tra la California e due regioni di Messico e Brasile con l’obiettivo di tutelare le foreste tropicali e tagliare le emissioni di CO2
Robot spazzini o microchirurghi: benvenuti alla fiera del futuroRobot spazzini o microchirurghi: benvenuti alla fiera del futuro

Dai prototipi alla reale commercializzazione: le macchine intelligenti che ci cambieranno la vita

Solare: nasce il pannello “ibrido” che riscalda l’acqua e produce elettricitàSolare: nasce il pannello “ibrido” che riscalda l’acqua e produce elettricità

Arriva dall'America il primo impianto solare che combina termico ed elettrico 

Milano tra le prime della classe per mobilità e gestione dei rifiutiMilano tra le prime della classe per mobilità e gestione dei rifiuti

Promossa la gestione dei rifiuti e il trasporto pubblico. Da migliorare l'efficienza degli edifici e la qualità dell'aria

L’esercito degli eco lavoratoriL’esercito degli eco lavoratori

Indagine Onu: quattro milioni di nuovi posti grazie all'ecologia

Inquinamento, Londra prova lo spray anti PM10Inquinamento, Londra prova lo spray anti PM10

Iniziata la sperimentazione di un innovativo metodo di riduzione delle polveri sottili 

Fotovoltaico condiviso tra case vicine: costi e risparmi. Il caso VenetoFotovoltaico condiviso tra case vicine: costi e risparmi. Il caso Veneto

Fare filiera tra produttori e consumatori, usando la finanza del territorio per il territorio e abbattendo i costi dell'energia 

Consulta boccia leggi regionali, violate competenze dello StatoConsulta boccia leggi regionali, violate competenze dello Stato

Secondo i giudici costituzionali, sono illegittime le leggi con cui Puglia, Campania e Calabria hanno vietato impianti nucleari e stoccaggio di rifiuti radioattivi sul loro territorio. Gli stessi giudici, bocciando la scorsa estate i ricorsi di 10 Regioni contro la legge delega per il ritorno del nucleare, avevano sottolineato il necessario coinvolgimento delle Regioni da parte del Governo 

Città sostenibili: Milano?Città sostenibili: Milano?

Milano è una città  sostenibile? Difficile dirlo.

Fiat 500 EV elettrica con batterie SB LiMotiveFiat 500 EV elettrica con batterie SB LiMotive

Gli accumulatori sono prodotte da una società della tedesca Bosch e della coreana Samsung

Pagina:

Car pooling Tandemobility
Per informazioni:

Chiama il + 39 02 700 251
o manda una mail a info@imginternet.com
o vai al nostro blog o seguici su Twitter


logo Imginternet
Visualizza: Mobile
Esegui ricerca