21 ottobre 2010

Il dissalatore portatile a energia solare

Bookmark and Share

Sviluppato al MIT, usa un pannello solare e una tecnica innovativa per rendere potabile l'acqua salata.

Il dissalatore portatile a energia solare

Gli impianti di dissalazione attuali sono una risorsa preziosa perché permettono di ricavare acqua potabile (la cui quantità è tutt'altro che infinita) dall'acqua del mare e degli oceani.

Sfortunatamente si tratta di grandi installazioni che richiedono una grande quantità di energia per funzioanre; sarebbe utile poter disporre di dissalatori portatili e poco esosi in termini di energia, che diventerebbero preziosi, per esempio, per fornire acqua potabile nelle zone colpite da disastri.

Un progetto in sviluppo presso il MIT da qualche tempo è ora arrivato alla costruzione del primo prototipo: un dissalatore di dimensioni contenute e che può essere alimentato da un pannello solare grazie alla tecnologia innovativa utilizzata per togliere le impurità (e dunque anche il sale) dall'acqua.

La chiave del processo si chiama osmosi inversa, che separa l'acqua dagli elementi indesiderabili facendoli passare attraverso una membrana di polimeri.

In un giorno, l'impianto del MIT può produrre fino a 300 litri d'acqua, e non ha bisogno di trovarsi costantemente esposto a una forte luce solare: è stato progettato per regolarsi autonomamente in base alle condizioni di luce, riuscendo a funzionare, seppure a regime ridotto, anche in giornate nuvolose, regolandosi anche in base alla temperatura e alla richiesta d'acqua.

"Se c'è molto sole"spiega uno dei membri del team "il sistema funzionerà più velocemente e produrrà più acqua, ma continuerà a produrne anche se sarà nuvoloso".

Il dissalatore si candida dunque per poter fornire un contributo essenziale in quelle zone dove c'è abbondanza di acqua salata e povertà di energia elettrica.

Volendo pensare in scala più grande, il professor Steve Dubowsky, capo del progetto, ritiene che con soli 8.000 dollari si possa realizzare un dispositivo che fornisca quasi 4.000 litri d'acqua pura al giorno.

Qui sotto riportiamo il video che mostra il sistema del MIT all'opera durante una giornata parzialmente nuvolosa a Boston.

www.zeusnews.com

Primo piano
Il dissalatore portatile a energia solareIl dissalatore portatile a energia solare

Sviluppato al MIT, usa un pannello solare e una tecnica innovativa per rendere potabile l'acqua salata.

Il futuro dell'auto elettrica è nella condivisione.<br>Parola di RenaultIl futuro dell'auto elettrica è nella condivisione.
Parola di Renault

Car pooling o car sharing? E a che punto è lo sviluppo della mobilità elettrica? Nel dubbio, meglio... tutte e tre.

Grafene da Nobel, illuminazione a Oled e celle solari di nuova generazione. La rivoluzione del nanotechGrafene da Nobel, illuminazione a Oled e celle solari di nuova generazione. La rivoluzione del nanotech

Computer piccolissimi e dalle potenze elevatissime, pannelli solari e schermi touchscreen di nuova generazione. Più in generale, il superamento delle attuali tecnologie basate sul silicio, che da qualche tempo paiono prossime ai propri limiti di sviluppo 

Smog, le grandi città affondano<br>Perché non copiano le piccole?Smog, le grandi città affondano
Perché non copiano le piccole?

Il rapporto di Legambiente: «Manca il coraggio di scelte impopolari» 

Le metropoli stanno sempre peggio. In qualità dell’aria, mobilità, sistema dei trasporti e raccolta dei rifiuti. Sono in caduta libera, precipitano nella bassa classifica secondo i dati di Ecosistema Urbano 2010, l'annuale ricerca di Legambiente e Ambiente Italia sullo stato di salute ambientale dei comuni capoluogo italiani.

L'anima verde che manca alle cittàL'anima verde che manca alle città

L’aria buona di Belluno,  gira e rigira, fa la differenza. Ma si vive bene con l’ambiente anche a Verbania, Parma, Trento, Siena e La Spezia: meno smog, attenzione al verde, più raccolta differenziata. In provincia è meglio, dice il rapporto di Legambiente.

Sport sostenibile: ASRugby Milano sceglie il carpoolingSport sostenibile: ASRugby Milano sceglie il carpoolingL'Associazione Sportiva Rugby Milano sceglie Tandemobility come mobility partner. Gli sportivi possono utilizzare il servizio Tandemobility per recarsi alle trasferte facendo car pooling, in compagnia e rispettando l’ambiente.
Arrivederci, CO2! Tour a “Impatto Zero®” per il LigaArrivederci, CO2! Tour a “Impatto Zero®” per il Liga

Per il terzo anno consecutivo Ligabue ha rinnovato l'adesione a Impatto Zero® di LifeGate: le emissioni di CO2 generate dal tour Stadi 2010 saranno compensate contribuendo alla creazione e tutela di foreste in crescita a Panama.

-> Vai ai concerti di Ligabue usando il Car Pooling

Passaggi a Nord-Ovest: Car Pooling nel Comune di GrugliascoPassaggi a Nord-Ovest: Car Pooling nel Comune di Grugliasco

Il progetto si rivolge a tutti gli studenti delle Facoltà di Agraria e Veterinaria e a chi lavora presso il polo universitario di Grugliasco (docenti, personale tecnico-amministrativo, borsisti, dottorandi, ecc.), per aiutarli a condividere l’auto nel percorso tra casa e Università.

-> Pagina di accesso dedicata al Comune di Grugliasco

Tandemobility e Savethedate per la sostenibilità degli eventiTandemobility e Savethedate per la sostenibilità degli eventiSavethedate e Tandemobility collaborano insieme per favorire la mobilità sostenibile dei grandi eventi.
Con Tandemobility al Milano Film Festival 2009 si va pensando all’ambienteCinema e mobilità sostenibile: i partecipanti al Milano Film Festival avranno a disposizione un innovativo sistema di mobilità che potranno utilizzare gratuitamente per recarsi alle proiezioni del Festival. Grazie a Tandemobility potranno infatti fare car pooling in modo semplice e intuitivo conoscendo nuovi amici.
Pagina:

Car pooling Tandemobility
Per informazioni:

Chiama il + 39 02 700 251
o manda una mail a info@imginternet.com
o vai al nostro blog o seguici su Twitter


logo Imginternet
Visualizza: Mobile
Esegui ricerca