7 febbraio 2011

European Green Bond

Bookmark and Share

Un solo e semplice concetto per le conclusioni della Tavola Rotonda dal titolo Securing Europe’s Energy Infrastructure, che si è tenuta lo scorso 24 gennaio presso il Security and Defence Agenda, il think tank di Bruxelles considerato una delle più autorevoli piattaforme di dibattito politico

European Green Bond

Tutti concordano sull’importanza di provvedere alla sicurezza delle infrastrutture energetiche che garantiscono l’approvvigionamento di elettricità, gas e petrolio in Europa. Ma quali sono le politiche europee, le azioni concrete, i miglioramenti dei piani esistenti per gestire e ridurre al minimo i rischi? La risposta è inevitabilmente connessa a questioni di budget: per poter costruire un network energetico che abbia una dimensione europea è necessario poter contare su un budget che sia riservato esclusivamente alla gestione dei sistemi di sicurezza energetici.

L’emissione di obbligazioni europee (i bond appunto) potrebbe essere la soluzione, in un periodo in cui le risorse economiche sono limitate. I green bonds potrebbero dunque risultare efficaci sia per prevenire casi di catastrofi e dunque gestire il rischio, sia per effetuare nuovi investimenti nel settore e migliorare i programmi esistenti.

Jean Arnold Vinois, capo dell’Unità per le Politiche Energetiche e di Sicurezza delDirettorato Generale per l’Energia dellaCommissione Europea, ha anticipato, durante la tavola rotonda, i programmi UE, premettendo che, nel corso degli ultimi anni, sono emerse a livello internazionale nuove minacce, come gli attacchi terroristici, che hanno richiesto la formulazione di politiche e piani di azione a livello comunitario ed internazionale. Così, se fino a qualche anno fa la protezione delle infrastrutture energetiche era una competenza strettamente nazionale, oggi, dice Vinois, “l’obiettivo è quello di creare un network energetico nel contesto del mercato interno europeo, dando alla tematica della sicurezza energetica una dimensione europea e dunque  attivando piani di protezione trans-frontalieri”.

Lavorando attraverso un comune approccio europeo, dal 2004 sono state già adottate una serie di iniziative importanti, come lo European Programme for Critical Infrastructure Protection e il Settimo Programma Quadro, nell’ambito del quale si inserisce il programma dell’Euracom.

L’obiettivo del Conzorzio Euracom è quello di creare un approccio comune che comprenda i Paesi Membri, da un lato, e il settore delle compagnie private (produttori e distributori), dall’altro. Il risultato è un approccio olistico che mira allo sviluppo di piattaforme maggiormente integrate e sicure e all’implementazione di piani di emergenza. Secondo Luigi Rebuffi, Direttore Esecutivo dell’Organizzazione Europea per la Sicurezza (EOS), creare una piattaforma comune di dimensione europea potrà inoltre essere un terreno fertile per innumerevoli opportunità di business. Ormai, la nostra vita dipende infatti interamente dall’energia: i trasporti, l’acqua, il cibo, il riscaldamento, sono tutti beni di prima necessità che dipendono dal buon funzionamento delle infrastrutture per l’approvvigionamento delle risorse energetiche. La ricerca scientifica e tecnologica è quindi un elemento chiave, che consentirà ai Paesi che sapranno esprimere una vocazione nella software security e nella cyber security di trovare ampio spazio per nuove possibilità di investimento e crescita.

Articolo tratto da greenews.info

Primo piano
Smog, Milano ha esaurito il bonus di 35 giorni all’anno concesso dall'UESmog, Milano ha esaurito il bonus di 35 giorni all’anno concesso dall'UE

Finitii giorni in cui si poteva pensare di rientrare nei limiti di 50 microgrammi al metrocubo con le domeniche ecologiche
 

Asfalto solare, ci prova il progetto spagnolo PavenerAsfalto solare, ci prova il progetto spagnolo Pavener

Tecnalia attraverso la sua Unità Costruzioni, prende parte del gruppo Campezo finalizzato a sviluppare un sistema integrato nella pavimentazione che sfrutti l’energia solare

Benzina sintetica dall'idrogeno la sfida di Cella EnergyBenzina sintetica dall'idrogeno la sfida di Cella Energy

Un carburante pulito, non emetterebbe Co2 con la combustione. E soprattutto economico, costo di produzione circa 50 centesimi di dollaro al litro. Funzionerebbe sugli attuali motori benzina e diesel. E' il progetto finora top secret di un'azienda inglese e dei laboratori Rutherford Appleton

Piano rifiuti, l'Europa con 374 voti boccia l'Italia e congela i fondiPiano rifiuti, l'Europa con 374 voti boccia l'Italia e congela i fondi

La questione emergenza rifiuti in Campania diventa oggetto, per la Commissione europea, di un sonoro richiamo all’Italia: ieri in plenaria con 374 voti a favore è stata votata la bocciatura del Piano Rifiuti presentato dalla Campania

Green Banking: dal marketing al societingGreen Banking: dal marketing al societing

E’ ormai noto che anche il settore bancario intende avvicinarsi alle istanze della cosiddetta green economy

European Green BondEuropean Green Bond

Un solo e semplice concetto per le conclusioni della Tavola Rotonda dal titolo Securing Europe’s Energy Infrastructure, che si è tenuta lo scorso 24 gennaio presso il Security and Defence Agenda, il think tank di Bruxelles considerato una delle più autorevoli piattaforme di dibattito politico

Un ponte eolico per la Salerno-Reggio CalabriaUn ponte eolico per la Salerno-Reggio Calabria

Si chiama Solar Wind il sistema integrato per valorizzare l’autostrada e produrre energia da rinnovabili

Smog Lombardia: presto nuove misure contro l’inquinamentoSmog Lombardia: presto nuove misure contro l’inquinamento

Le cause ed i fattori legati all’inquinamentoatmosferico sono rappresentate da una grande varietà, con alcune di queste ad oggi impensate rispetto al passato
 

Energia pulita: le nazioni più green?Energia pulita: le nazioni più green?

Le nazioni che producono più energia da fonti rinnovabili sono in Europa, ben 7 su 10

Sourcemap: quanta strada fa un prodotto?Sourcemap: quanta strada fa un prodotto?

Portarlo nella borsetta o in tasca non pesa più di qualche etto. Produrlo, però, ha pesato sul pianeta venti volte di più

Pagina:

Car pooling Tandemobility
Per informazioni:

Chiama il + 39 02 700 251
o manda una mail a info@imginternet.com
o vai al nostro blog o seguici su Twitter


logo Imginternet
Visualizza: Mobile
Esegui ricerca