22 febbraio 2011

Edifici classe A, Legambiente boccia tutti tranne Bolzano

Bookmark and Share

Gli italiani ancora non sanno costruire gli edifici di classe A. Sarà perché in gran parte del Paese fa caldo 9 mesi all’anno, o perché ancora non si è diffusa la cultura del risparmio energetico, ma fatto sta che su 100 edifici censiti da Legambiente, solo 11, peraltro tutti nella Provincia di Bolzano, sono stati promossi

Edifici classe A, Legambiente boccia tutti tranne Bolzano

E’ questo il quadro disegnato dall’associazione ambientalista sullo stato degli edifici italiani, costruiti senza isolamento alle pareti, con finestre sottili o montate male, ponti termici tra diversi materiali e strutture che facilitano la dispersione del calore. Tutto questo comporta un incremento nello spreco energetico per quanto riguarda il riscaldamento o il raffreddamento, che arriva a pesare sulle tasche degli italiani dai 200 ai 500 euro all’anno in più a famiglia.

Gli esperti di Legambiente hanno fatto il giro dell’Italia con un macchinario speciale in grado di scattare delle “termofoto”, cioè delle fotografie che rilevano la temperatura, in modo da notare, all’esterno degli edifici, quali presentavano maggiore dispersione. Il calcolo è semplice, più rosse vengono le foto, maggiore è il calore all’esterno dell’abitazione. Ciò significa che si sta verificando uno spreco energetico, e dunque la casa non è di classe A.

Per avere un’idea dell’energia (e dei soldi) letteralmente gettati dalla finestra, basti pensare che una casa di classe A consuma ogni anno, nel processo di riscaldamento/raffreddamento, 30 KWh/mq (chilowattora per metro quadro). Una classe C, cioè la maggior parte delle abitazioni che hanno applicato solo alcune delle attenzioni per evitare gli sprechi, ma che ancora devono fare molto, consuma più del doppio (70 KWh/mq), mentre i classe E, cioè gli edifici definitivamente bocciati, consumano 120 KWh/mq.

Per Legambiente occorre dunque stabilire da subito, per i nuovi edifici e per le ristrutturazioni edilizie oltre una certa dimensione, uno standard minimo obbligatorio di Classe A su tutto il territorio nazionale. Poi, bisogna introdurre contributi obbligatori minimi e crescenti per le fonti rinnovabili negli edifici rispetto ai fabbisogni termici ed elettrici

si legge sul report del sito. Nel dossier sono state anche valutate le Regioni, in qualità di responsabili dei controlli, sanzioni, criteri e riferimenti in materia di prestazioni energetiche in edilizia. Com’era facile da prevedere, le Province autonome di Trento e Bolzano sono risultate le migliori d’Italia, insieme alla Lombardia e al Piemonte che prevedono normative ottimali in tema di efficienza energetica, energie rinnovabili, certificazione energetica e controlli/sanzioni. Promosse con riserva Emilia Romagna, Puglia e Liguria; rimandate in quanto alcune normative non andavano bene, ma altre sì, Lazio, Umbria e Val d’Aosta; bocciate tutte le altre. Se vogliamo raggiungere gli obiettivi del taglio delle emissioni, e risparmiare anche qualche euro che di questi tempi è fondamentale, bisogna ripartire da qui.

Articolo tratto da ecologiae.com

Primo piano
L’altra faccia di Milano che nessuno vuol vedereL’altra faccia di Milano che nessuno vuol vedere

Il caso: dei bambini di una scuola materna di Milano hanno tappezzato la strada di decine di disegni volti a sensibilizzare i padroni dei cani che troppo frequentemente lasciano le deiezioni dei propri animali ovunque sui marciapiedi della zona. Il quartiere è città studi e la scuola è la materna in via Guido Reni 11.

Con Facebook Tandemobility è ancora più facileCon Facebook Tandemobility è ancora più facile

Da oggi si può accedere al nostro portale di Car Pooling direttamente con il proprio profilo Facebook.

Da Carugate a Pioltello: Meglio in bici!Da Carugate a Pioltello: Meglio in bici!

Dai comuni di Cernusco sul Naviglio, Carugate e Pioltello nasce un’interessante iniziativa di eco-mobilità, la prima in Italia di questo genere: condividere il mezzo ecologico per eccellenza.

Milano soffoca, i verdi ricominciano a respirareMilano soffoca, i verdi ricominciano a respirare

Mai come in queste ultime settimane si è sentito tanto parlare, a Milano, di traffico, inquinamento, viabilità, piste ciclabili, verde. Sembra che, all’improvviso, i temi ambientali siano diventati prioritari in qualsiasi programma politico: ognuno propone per il futuro interventi efficaci risolutivi, disegnando un quadro idilliaco di una città futura.

Abbiamo intervistato Elena Grandi, candidata in Consiglio Comunale con la Lista Verdi Ecologisti per Milano e promotrice del referendum Milano si muove. 

Genova città più sostenibile di Italia. Il rapporto LegambienteGenova città più sostenibile di Italia. Il rapporto Legambiente

E’ Genova la città più sostenibile di Italia. A sostenerlo sono stati gli ultimi dati Legambiente sui piani e le buone pratiche delle amministrazioni italiane
 

Edifici classe A, Legambiente boccia tutti tranne BolzanoEdifici classe A, Legambiente boccia tutti tranne Bolzano

Gli italiani ancora non sanno costruire gli edifici di classe A. Sarà perché in gran parte del Paese fa caldo 9 mesi all’anno, o perché ancora non si è diffusa la cultura del risparmio energetico, ma fatto sta che su 100 edifici censiti da Legambiente, solo 11, peraltro tutti nella Provincia di Bolzano, sono stati promossi

Kyoto: entro il 2050 energia al 100% da fonti rinnovabiliKyoto: entro il 2050 energia al 100% da fonti rinnovabili

In Europa il 100% di copertura della domanda elettrica con le rinnovabili si potrà articolare creando 'una forte rete di interconnessione eolica tra i mari del nord e le centrali solari del Sahara

Tesla: la supercar elettrica arriva in ItaliaTesla: la supercar elettrica arriva in Italia

A due passi da San Babila, a Milano, la casa statunitense ha aperto, in perfetto timing, il suo diciassettesimo show room nel mondo, per intercettare,alla fonte, la clientela eco-luxury della città

Sebigas: il rifiuto agricolo che diventa energiaSebigas: il rifiuto agricolo che diventa energia

Con una proposta di riconversione per attività di cogenerazione, l’azienda del gruppo Sebi si avvia al processo di produzione da biomasse e oli vegetali

Fotovoltaico ai mirtilli, ci provano a TorinoFotovoltaico ai mirtilli, ci provano a Torino

Dimenticatevi il silicio, il solare fotovoltaico del futuro utilizzerà mirtilli e argilla. Ci stanno lavorando alla Cyanine, start up dell’Università di Torino, grazie al sostegno del Comune di Settimo Torinese che sta investendo nell’innovazione tecnologica a favore dell’ambiente
 

Pagina:

Car pooling Tandemobility
Per informazioni:

Chiama il + 39 02 700 251
o manda una mail a info@imginternet.com
o vai al nostro blog o seguici su Twitter


logo Imginternet
Visualizza: Mobile
Esegui ricerca