23 dicembre 2010

Dal 2011 stop ai sacchetti di plastica

Bookmark and Share

Alcune città francesi e americane ci hanno pensato anni fa. In Italia c’è voluto un po’ più di tempo e le consuete proroghe ma ieri, 22 dicembre, il Consiglio dei Ministri ha finalmente confermato lo stop all’utilizzo dei sacchetti di plastica dal 1 gennaio 2011

Dal 2011 stop ai sacchetti di plastica

La decisione è definitiva. Lo annuncia in una nota il Ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo che, dopo essersi opposta all’introduzione dell’ennesima proroga, spiega: “E’ una grande innovazione, quella introdotta dal governo, che segna un passo in avanti di fondamentale importanza nella lotta all’inquinamento, rendendoci tutti più responsabili in tema di riuso e di riciclo. Perché il provvedimento possa però produrre risultati concreti – aggiunge – è necessario il coinvolgimento pieno degli operatori commerciali, della piccola e della grande distribuzione, perché sperimentino su larga scala sistemi di trasporto alternativi ai sacchetti di plastica, e dei cittadini“.

Legambiente, che nei mesi scorsi ha lanciato la campagna “Ridurre si può“, mettendo in atto anche la petizione “Stop ai sacchetti di plastica“, con cui richiedeva al Governo l’effettiva dismissione delle plastic bags, ricorda che, in Italia, si consumano circa 20 miliardi di buste all’anno, un primato per cui il nostro Paese ha conquistato la maglia nera europea.

Sostituendo con 10 sporte riutilizzabili i 300 sacchetti di plastica che ogni italiano consuma all’anno, risparmieremmo più di 180 mila tonnellate di petrolio e altrettante di emissioni di CO2, ma soprattutto eviteremmo di disperdere plastica indistruttibile nei campi, lungo le rive dei fiumi e nei mari. Infatti, circa 4/5 del rifiuto in mare arriva da terra sospinto dal vento o trascinato da scarichi d’acqua e fiumi. Solamente il 20% proviene da rifiuti dispersi in mare dalle navi. Quasi il 90% del rifiuto galleggiante in mare è costituito da plastica. Per intenderci, si stima che sia finito in mare il 5% di tutta la plastica prodotta dagli anni 50 in poi.

Nel giugno del 2006 un rapporto elaborato all’interno di un programma di salvaguardia ambientale delleNazione Unite ha stimato in circa 20,000 unità i detriti più o meno grandi presenti in 1 Km quadrato di superficie marina.In alcune aree maggiormente compromesse la quantità di unità in detriti presenti superava i 400,000 pezzi per Km quadrato. Meglio tardi che mai, visto che i sacchetti inquinano troppo. Vengono utilizzati in media per 20 minuti, ma l’ambiente ci mette in media 200 anni per “digerirli“.

Articolo tratto da greenews.info

Primo piano
Volvo C30 Electric crash test - salone di Detroit 2011Volvo C30 Electric crash test - salone di Detroit 2011

Volvo, ha esposto al Detroit la C30 Electric sottoposta ad un crash test, per dimostrare l’efficacia dei propri studi anche nel settore emergente delle auto ad emissioni zero
 

Il quarto rapporto Euromobility sulla mobilità sostenibileIl quarto rapporto Euromobility sulla mobilità sostenibile

E’ Venezia la città più “eco-mobile” d’Italia.  La città veneta, sesta lo scorso anno, si aggiudica così il trofeo italiano della mobilità sostenibile, scalzandoBologna dal primo posto, seguita da Parma eTorino, che passa dalla tredicesima alla terza posizione

Singapore: una sfida tropicale tra sostenibilità e sviluppoSingapore: una sfida tropicale tra sostenibilità e sviluppo

Non sembra vero che le torri di uffici dalle luci cangianti, simili a imponenti ed enormi robot, distino poche fermate di metropolitana dalla densa foresta tropicale

Dal 2011 stop ai sacchetti di plasticaDal 2011 stop ai sacchetti di plastica

Alcune città francesi e americane ci hanno pensato anni fa. In Italia c’è voluto un po’ più di tempo e le consuete proroghe ma ieri, 22 dicembre, il Consiglio dei Ministri ha finalmente confermato lo stop all’utilizzo dei sacchetti di plastica dal 1 gennaio 2011

Accordo di Copenaghen saltato per colpa degli hacker, nuova rivelazione di WikileaksAccordo di Copenaghen saltato per colpa degli hacker, nuova rivelazione di Wikileaks

Tutti pensavamo che il congresso di Copenaghen fosse stato un fallimento perché le parti in causa, specialmente Cina e Stati Uniti, non volevano impegnarsi nella lotta contro i cambiamenti climatici. In parte questo corrisponde al vero, ma c’è di più.

Auto elettriche: nuovo stazioni e-den Audi per ricaricare le batterie e intrattenersiAuto elettriche: nuovo stazioni e-den Audi per ricaricare le batterie e intrattenersi

Al via il progetto di innovative stazioni di ricarica dedicate alle persone, dove l’attesa del pieno diventa un momento produttivo

Minicar elettriche e gratuite per Pordenone e provinciaMinicar elettriche e gratuite per Pordenone e provincia

22 miniautomobili elettriche per muoversi nelle zone a traffico limitato del capoluogo e della provincia. Un iniziativa per inquinare meno e ridurre il traffico

Da oggi il passaporto si chiede sul web Nuovo servizio, via le code in questuraDa oggi il passaporto si chiede sul web Nuovo servizio, via le code in questura

La Polizia annuncia un nuovo servizio per ottenere il passaporto compilando la domanda via web che se funzionerà come annunciato sarà una vera rivoluzione e soprattutto sancirà la fine delle file in questura

Auto elettriche in affitto: a Parigi nel 2011 partirà Autolib, programma di car sharing con la BlueCar di BolloréAuto elettriche in affitto: a Parigi nel 2011 partirà Autolib, programma di car sharing con la BlueCar di Bolloré

Auto elettriche in affitto anche a Parigi. Dopo l'avvio del programma “E-vai”, iniziato in via sperimentale nei giorni scorsi a Milano, anche la metropoli francese si doterà di un proprio servizio di car sharing che ha come oggetto la condivisione di autoveicoli elettrici

CeNerone, il progetto romano contro i mozziconi di sigarettaCeNerone, il progetto romano contro i mozziconi di sigaretta

Per sensibilizzare cittadini e turisti l’Ama, l’azienda di raccolta e smaltimento rifiuti della provincia di Roma, in collaborazione con CiAl (Consorzio Imballaggi Alluminio) e Comieco ha dato vita al progetto CeNerone, in ricordo dell’imperatore incendiario che distrusse Roma

Pagina:

Car pooling Tandemobility
Per informazioni:

Chiama il + 39 02 700 251
o manda una mail a info@imginternet.com
o vai al nostro blog o seguici su Twitter


logo Imginternet
Visualizza: Mobile
Esegui ricerca